La battaglia di Verona Domani arriva anche a Venezia.

Amia in house. La battaglia di Verona Domani arriva anche a Venezia. Stefano Casali e Bassi presentano una mozione in Consiglio regionale.
Verona segua il positivo esempio di altre città venete e affidi il servizio di gestione integrata dei rifiuti in house. La parola d’ordine è la tutela dei lavoratori.
L’obiettivo è quello di uniformare la gestione in tutta la regione, garantendo così un servizio più efficiente, economicamente più vantaggioso per gli enti e per la collettività e soprattutto che tuteli le centinaia di operatori della società di via Avesani.

Venerdì 18 settembre con il collega Stefano Casali abbiamo illustrato alla stampa la mozione depositata in Consiglio Regionale che impegna la Giunta di Luca Zaia a valutare l’affidamento in house della raccolta dei rifiuti in tutte le città capoluogo del Veneto. Particolare attenzione è stata posta su Verona, dove tale ipotesi è fortemente caldeggiata da diverse forze politiche, sia di maggioranza, che di opposizione. All’incontro erano presenti i consiglieri comunali di Verona Domani, “paladini” da anni di tale battaglia e che per primi hanno sposato questa causa.

L’affidamento in house del servizio di rifiuti rappresenta oggi l’unica forma per garantire a realtà come Amia, che operano in un settore di fondamentale importanza per l’ambiente, la vivibilità ed il decoro urbano delle città, una gestione sicura ed efficiente, evitando incognite e percorsi amministrativi poco chiari che potrebbero metterne a rischio operatività e posti di lavoro.
Le positive esperienze di Vicenza e Padova, sia sul piano economico, che su quello produttivo ed operativo, dimostrano la bontà e l’assoluta necessità di procedere con l’affidamento in house del servizio di rifiuti in tutta la regione, a partire proprio da Verona, per il bene della città e per la salvaguardia di un patrimonio in termini di efficienza ed operatività di tutti i veronesi.
La gestione in house produrrebbe una valorizzazione ed una crescita degli asset e dei valori di società pubbliche come Amia.

“Abbiamo presentato la richiesta di una convocazione urgente della Commissione, invitando il presidente di Amia Bruno Tacchella ad illustrare gli ultimi studi di fattibilità relativi al passaggio in house – hanno detto i consiglieri comunali Bonato, Paci, Drudi e Zandomeneghi – Una battaglia, quella di Verona Domani, iniziata ancora nel 2018. Siamo sempre stati convinti che tale soluzione, in termini di sicurezza, fattibilità e costi, sia assolutamente la migliore per il raggiungimento di elevati obiettivi e standard di produttività, nonché per l’ottimale impiego e razionalizzazione delle risorse pubbliche. Senza dimenticare la tranquillità dei dipendenti che ne deriverebbe. Amia diventi subito in house!”.

Share This

Share this post with your friends!